Area Anno A (Cerrato)

Date a Dio

XXIX Domenica t.o. - A

Clicca per vedere l'immagine a grandezza intera  (1134 × 820 pixel, dimensione del file: 412 KB)

Alcune chiavi di lettura dell'immagine

La mano a sinistra verso il basso con una moneta da a Cesare ciò che è di Cesare l'altra mano verso l'alto porta il segno del chiodo perché ha dato a Dio cio che è di Dio, cioè tutta la sua vita.

показвай Mt 22,15-21

In quel tempo, 15i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come coglierlo in fallo nei suoi discorsi. 16Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. 17Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». 18Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? 19Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. 20Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». 21Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

Autore: Marcello Cerrato   (contatta l'autore, начална страница 1 - начална страница 2)

Visualizza tutte le 19 immagini relative a Mt 22,15-21