Area Anno A (Fano)

Gesù è la Pasqua (es)

Clicca per vedere l'immagine a grandezza intera  (3484 × 4834 pixel, dimensione del file: 4938 KB)

Gesù
è la Pasqua

è il passaggio...
...dalla schiavitù alla libertà
...dall'oscurità alla luce
...dalla paura alla pace
...dalla morte alla Vita
Alcune chiavi di lettura dell'immagine

Maria, all'alba, corre a vedere il sepolcro. Era ancora bloccata nella morte. E scopriamo che ha dimenticato di far parte di un popolo pellegrino, vittorioso nella persecuzione, forte nel deserto, migrante in cerca della nuova Gerusalemme.

Maria, nell’oscurità, cominciò a vedere lampi di vita. La vita stessa brillava in quel sepolcro appena liberato. E scoprì che Cristo non era lì. Cristo stava di nuovo accompagnando il popolo, perché egli è la Pasqua che non solo ricorda, ma che attualizza il suo Amore per i malati, i professionisti della salute, i missionari, i poliziotti, gli spazzini, i becchini, i preti, famiglie e una moltitudine di persone che arriva fino in Piazza San Pietro con Papa Francesco.

Maria si ricordò dell’esodo. È tempo di festa e di asciugare le lacrime. È tempo di Pasqua: il passaggio dalla schiavitù alla libertà, dall'oscurità alla luce, dalla paura alla pace, dall'incredulità all'incontro per fede, dagli sguardi miopi agli orizzonti di senso...

Auguri, continuiamo a combattere, vale la pena vivere! Nel nascondimento delle quarantene e confinamenti, nell'esposizione di quelli che lavorano negli ospedali, nel dolore dei malati ... è successo qualcosa. Cristo è risorto per noi e noi non siamo più gli stessi. Auguri, continueremo insieme uniti!

traduzione dal blog di Kamiano

Temi: pasqua

показвай Mt 28,1-10: Il sepolcro vuoto

1Dopo il sabato, all’alba del primo giorno della settimana, Maria di Màgdala e l’altra Maria andarono a visitare la tomba. 2Ed ecco, vi fu un gran terremoto. Un angelo del Signore, infatti, sceso dal cielo, si avvicinò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa. 3Il suo aspetto era come folgore e il suo vestito bianco come neve. 4Per lo spavento che ebbero di lui, le guardie furono scosse e rimasero come morte. 5L’angelo disse alle donne: «Voi non abbiate paura! So che cercate Gesù, il crocifisso. 6Non è qui. È risorto, infatti, come aveva detto; venite, guardate il luogo dove era stato deposto. 7Presto, andate a dire ai suoi discepoli: “È risorto dai morti, ed ecco, vi precede in Galilea; là lo vedrete”. Ecco, io ve l’ho detto».

8Abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli. 9Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. 10Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».

Autore: Patxi Velasco Fano  (начална страница 1 - начална страница 2)

Visualizza tutte le 70 immagini relative a Mt 28,1-10